Mese: gennaio 2017

SERIE D: Sconfitta pesante

Postato il

Ardens Sedriano Basket – Pall. Vergiate Vikings     73 – 50

(13-3, 39-22, 56-39)
Ardens Sedriano Basket : Carlino 3, Beretta, Tarantola, Donghi, Ferrantelli 11, Grimaldi 29, Milani 6, Faggiani 2, Antonini 1, Cislaghi, Manferdelli 7, Mandelli 14. All. Rava
Pall. Vergiate Vikings : Corniani 3, Verzi 4, Pizzamiglio 7, Macchi 4, Milione 5, Mirelli 2, Marotto 12, Rapetti 9, Corsaro, Colombo 4. All. Barbarossa

Vergiate arriva ad un match chiave per la svolta della stagione contro Sedriano. I Vikings sono appaiati a pari punti in classifica con gli Ardens e sanno di dover vendicare il match d’andata vinto in maniera piuttosto rocambolesca dai padroni di casa, ma qualcosa non è andato nel verso giusto.

Inizio di gara drammatico, Vergiate segna solamente 3 punti nei primi 10′, rimanendo a digiuno per ben nove minuti e mezzo a cavallo dei due quarti. Nella seconda metà del primo tempo sembra poterci essere una reazione, ma il troppo spazio concesso nella metà campo difensiva permette a Sedriano di restare saldamente al comando. Nemmeno nel secondo tempo la musica cambia, tanti banali errori difensivi mettono in ritmo i tiratori di Sedriano, che si scatenano segnando anche canestri piuttosto complessi. In attacco troppe incertezze e ancora tanti liberi sbagliati condannano Vergiate alla sconfitta, 73-50 il finale.

 

 

Annunci

SERIE D: Verso Sedriano-Vergiate

Postato il

Questa sera i Vikings di coach Barbarossa saranno impegnati in una delicata sfida lontano dalle mura amiche, a Sedriano. Le squadre sono appaiate a 14 punti e all’andata finì 90-91 per gli Ardens, capaci di vincerla sostanzialmente all’ultimo secondo. Una sconfitta bruciante che non fa mancare le motivazioni a Macchi e compagni; si tratterebbe di un’importante rivincita, sia per il morale, che per la classifica.

Oggi abbiamo anche fatto una piccola intervista a uno dei giovani arrivati a settembre, Federico Milione:

Com’è stato ambientarsi in un nuovo gruppo per te che arrivavi da una lunga esperienza nella stessa squadra?

“Ambientarmi sicuramente non è stato complicato, nonostante appunto i molti anni passati nella stessa società, grazie ai miei compagni che si sono rivelati dei ragazzi semplici e disposti ad accogliere un nuovo compagno e amico. Parte del merito va sicuramente anche a coach Alberto Barbarossa, che mi ha fatto sentire immediatamente importante e alla dirigenza disponibile ed efficiente”.

Cosa credi sia necessario migliorare per fare il salto di qualità che vi porterebbe nelle zone alte della classifica?

“Da migliorare secondo me ci sono poche cose; dal punto di vista tecnico sicuramente la difesa sul pick and roll va eseguita in maniera più aggressiva e vanno migliorati, per quanto riguarda il tempo, gli aiuti dal lato debole. Offensivamente secondo me c’è solamente necessità di eseguire i giochi con più velocità e rispettare le spaziature su penetrazioni e scarichi. Cosa più importante però a parer mio non rientra nella sfera tecnica, ma riguarda l’intesa tra noi compagni, più questa crescerà, più riusciremo ad esprimere poi al meglio le nostre qualità e a proporre un basket migliore”.

 

UISP: Il derby va a Sesto

Postato il

Larghissima vittoria della capolista Sesto Calende, che al PaladellaChiesa supera senza difficoltà il Vikings Vergiate per 107-63. I padroni di casa sono in formazione piuttosto rabberciata, senza Lucchini, Laudi e Bielli. Gara che vede subito i sestesi in fuga sull’ 8-0, team out immediato di coach Paggiarin, che per l’occasione sostituisce in panchina Alberto Barbarossa. Dopo il minuto di sospensione i vergiatesi hanno un buon sussulto, che vale il 10-6 interno dopo poco più di 4 minuti, ma nei 8 minuti successivi si scatena l’attacco di Sesto, che piazza un break devastante, che di fatto, indirizza in modo decisivo l’incontro. La squadra di Somma corre con efficacia, notevole rapidità e ha ottime percentuali al tiro, fuga conclamata e 33-11 al 12′ che lascia poco spazio alle interpretazioni. Secondo periodo sempre in mano saldamente alla capolista, che malgrado i soli 9 uomini a referto, non ha difficoltà a controllare e dilagare ulteriormente sino al nettissimo 61-24 di metà gara, che significa archiviazione del match con chiaro anticipo per Sesto. Ripresa maggiormente equilibrata, Vergiate è più pimpante in attacco e solida in difesa, tira nel terzo quarto con buone percentuali, soprattutto dall’arco e dà segni di riscossa e vigore in una ripresa diversa. Questo non crea difficoltà a Sesto, che controlla comunque agevolmente e nel quarto periodo trova ancora qualche punto di ulteriore margine. Finisce 107-64 per Sesto, alla tredicesima vittoria in 14 match disputati.

Diego Bonometti

SERIE D: Vittoria preziosa

Postato il

Pall. Vergiate Vikings – Montello 1982     79 – 70

(24-21, 35-39, 50-52)
Pall. Vergiate Vikings :  Corniani, Verzì 5, Pizzamiglio 18, Macchi 12, Milione 4, Mirelli 14, Marotto ne, Toninelli ne, Rapetti 7, Corsaro 8, Colombo 11. All. Barbarossa
Montello 1982 : Ghisi 2, Favretto 18, Brighina 1, Armocida 16, Vanetti, Piatti, Fino 6, Castiglioni 10, Franzini 17. All. Della Valle

I Vikings di coach Barbarossa tornano a vincere dopo lo stop subito al Campus di Varese, e lo fanno in una gara delicata contro un avversario che lotta per la salvezza, ma sta disputando un campionato in crescendo.

La partita ha come filo conduttore l’equilibrio, a parte l’ottimo inizio di Vergiate infatti la gara è quasi sempre in equilibrio, i Vikings non riescono mai a scappare, e anzi spesso si trovano anche ad inseguire, soffrendo molto il reparto lunghi del Montello, trascinato da Favretto e Armocida. Nel finale però i biancoblu mettono in campo lo spirito giusto, qualche canestro dall’arco spezza le gambe agli ospiti, incapaci di reagire al parziale di Macchi e compagni. Finisce 79-70 per Vergiate che conquista un prezioso successo in chiave playoff.

Serie D: Sconfitta al Campus

Postato il

Campus Varese – Pall. Vergiate Vikings     71 – 56

(14-18, 40-25, 53-43)
Campus Varese :  Baggio, Moretti 22, Armocida 3, Dini 9, Spertini 20, Vanini, Balzaretti, Gianfrate, Modesti 6, Fidanza 2, Trentini 9. All. Garbosi
Pall. Vergiate Vikings :  Corniani, Verzi 4, Pizzamiglio 9, Macchi 1, Milione 5, Mirelli, Marotto 3, Rapetti 11, Corsaro 10, Colombo 8. All.Barbarossa

Vergiate gioca solo un quarto al Campus, i padroni di casa ne approfittano trovando il secondo successo stagionale.

Il primo quarto è positivo per i Vikings, i ragazzi di coach Barbarossa corrono bene in contropiede trovando punti facili che permettono l’allungo. Dal secondo periodo la luce si spegne, l’aggressività vista nelle prime battute di gara sembra un ricordo lontano, Varese inizia ad avere praterie in attacco e seconde opportunità a non finire. Corsaro viene espulso e Marotto esce dalla partita per un infortunio. Il secondo tempo non vede la reazione sperata da coach Barbarossa, i padroni di casa continuano ad avere troppi spazi, mentre Vergiate oltre a concedere troppo nella metà campo difensiva, in attacco non vede mai la via del canestro, eloquente il 15/30 ai liberi. Così è difficile, quasi impossibile, pensare di vincere. 71-51 il finale che premia il Campus.

 

SERIE D: Verso il girone di ritorno

Postato il

Questa sera i Vikings di coach Barbarossa scendono in campo per la prima di ritorno, e lo fanno sul campo del fanalino di coda, il Campus Varese. La partita non è la passeggiata che tutti si aspettano di fare contro l’ultima della classe, il Campus è una squadra giovane e dinamica che all’andata mise in difficoltà i nostri ragazzi. Sarà necessario mantenere lucidità e concentrazione per gestire i ritmi della sfida.

Ecco una piccola intervista al nostro capitano Stefano Macchi in proiezione di questa seconda metà di stagione.

Siamo arrivati al giro di boa del campionato, quali sono le aspettative per il ritorno? 

“Le aspettative per il girone di ritorno sono positive. Ad inizio anno la squadra non era ancora ben amalgamata, abbiamo cambiato diversi elementi e tante volte il risultato è venuto a mancare proprio per questione di chimica. La perdita di Alessandro Ferrario potrebbe farsi sentire, ma sono sicuro che riusciremo a fare un po’ meglio di quanto fatto fino ad ora”.

C’è una partita del girone di andata di cui ti vorresti “vendicare” e che proprio non riesci ad accettare?

“Ma… Io ovviamente le vendicherei tutte, però forse le tre che proprio non ho digerito sono: Vanzago, squadra più che abbordabile, e poi Malnate e Marnate, due brutte prestazioni a cui dovremo sicuramente rimediare. Perdere con Busto e Virtus Olona fa parte della pallacanestro, ma contro squadre del nostro livello dovremo assolutamente fare meglio.”.