UISP: Ancora una vittoria

Postato il Aggiornato il

Vergiate continua il suo ottimo periodo di forma, superando la seconda forza del campionato, la Motrix Cavaria di Rotoni, che cede in via Volta per 114-92. Gara pirotecnica e vivacissima, con una squadra di casa che nei due quarti centrali vola grazie ad una prestazione complessiva ad altissimi livelli. Biancorossi senza Passerini, Guietti, Mocchetti e Caruggi, vergiatesi privi di Mattia Toninelli e D’Errico. Primo quarto subito molto produttivo in termini realizzativi, le due squadre trovano una notevole confidenza con il canestro, seppur in maniera diversa, i biancoblù di Barbarossa hanno nel tiro dall’arco un’arma letale, Stefano Macchi ne mette tre nel primo periodo, coadiuvato da Gusella, Verzì si fa sentire con fisicità e punti, per gli ospiti sono tanti i giocatori che si fanno notare, con Lombardi, Scialabba, Merico e Casdia principali realizzatori. Sfida equilibrata e godibile, al 12′ è 28-26 per i Vikings. Secondo quarto di assoluto livello per i locali, che creano il break, frutto di una difesa molto valida ed intensa e di un attacco fluido, pulito e concreto, con le triple di Masiniero, Ferrario, Macchi e Bongiovanni che determinano il fragoroso allungo di Vergiate, a cui Cavaria non riesce a far fronte, 59-35 al 23′ e 0-5 finale ospite con la tripla di Buran che fissa il 59-40 di metà match. Da rimarcare purtroppo l’infortunio occorso ad Allavelli nei biancorossi. Si riparte e Vergiate continua a trovare punti con facilità e continuità, percentuali al tiro altissime dei Vikings, che tirano con il 75% da due e con il 71% da tre, coach Rotoni le prova tutte per fermare i locali, si mette a zona, ma Gusella si scatena con 13 punti, Vergiate in pieno controllo, i biancorossi in attacco sono più che discreti, ma non tengono dietro e i canestri di Lombardi non bastano. Alla terza sirena i padroni di casa volano sull’oceanico 91-61. Quarto periodo molto orgoglioso e grintoso della Motrix, che alza le proprie percentuali dall’arco, con Merico che diventa quasi immarcabile, Vergiate stacca la spina e gli ospiti recuperano metà del gap, arrivando in alcune circostanze sul -13,  ma ormai è troppo tardi e le triple (ben 18 alla fine per i Vikings) di Sacrestano e Ferrario mandano i titoli di coda al match. Finisce 114-92 per Vergiate, che continua la sua forte ascesa, settima vittoria in 9 gare nel 2017.

Diego Bonometti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...